LEO CLUB

Spett.le Leo Club Città di Castello

20140627_193742

Nel 2004 , come Presidente del Lions Club Città di Castello , rifondavo il Leo Club Città di Castello, service primario del Lions internazionale. Il Leo Club Alta Valle del Tevere , fondato nel 1989 con entusiasmo dal Presidente Orlando Masi , per vari motivi era durato un solo anno e l’amico Orlando come incoraggiamento ci aveva cortesemente donato labaro, campana e guidoncini. Il mio sogno era stato concretizzato da un fortuito incontro con il Leo Stefano Trepiedi, che rientrato a Città di Castello, in breve tempo aveva persuaso e coinvolto una ventina di giovani. E’ stato il primo presidente, poi Giannini, Pietro Paolieri, Livio Rotini, Angelica Paolieri e Tommaso Campagni, i quali con il contributo e la passione degli officers e dei soci hanno portato avanti iniziative sociali che hanno qualificato il Leo club Città di Castello . Un Club con numero di soci che ha relativamente risentito della crisi dell’associazionismo di servizio, se si tiene conto che negli ultimi dieci anni il Leo multidistrettuale italiano, da circa 12000 soci è sceso a circa 4000 e che comunque, il nostro Leo Club attualmente con 13 soci è fra i più “numerosi” con alta quota rosa. Dieci anni di relativa intensa attività , come risulta dalle doverose relazioni del presidente del Leo Club che , oltre ai services nazionali, distrettuali e locali , hanno visto la partecipazione del nostro Leo Club ad incontri nazionali, distrettuali e di interclub, occasione di confronto del proprio operato e di nuove amicizie. Un’attività che sulla scorta del regolamento distrettuale ed in particolare al capo secondo, ‘Rapporti Lions Club-Leo Club’ è stata ed è legata alla sensibilità del Lions Club padrino ed in particolare alla coscienza lionistica del Presidente e naturalmente all’entusiasmo dei soci del Leo Club. Ma aldilà del necessario contributo economico, il rapporto tra il nostro Lion, costituito perlopiù da soci ‘diversamente giovani’ ma esperti ed il nostro Leo costituito da giovani innovativi ma poco esperti è stato caratterizzato da specifici e frequenti incontri costruttivi. Non è infatti sempre semplice il rapporto tra Lions Club sponsor e Leo ( Leadership – Esperienza – Opportunità ) club che gode di relativa autonomia formativa ed i molteplici ruoli affidati al Leo Advisor , se ci si vuole mettere al passo con  i tempi. Con gioia avevo visto attaccare al nostro labaro Lions il riconoscimento della costituzione Leo e con soddisfazione ho visto attaccare al nostro labaro Leo il riconoscimento di 10 anni. Con piacere avevo ricevuto l’attestato del Lions Internazionale per la fondazione del Leo Club come ora ho gradito il riconoscimento per l’attività svolta per oltre cinque anni come Leo Advisor. Ringrazio il Leo Club di avermi proposto e poi confermato per otto anni come Leo Advisor, un privilegio che mi ha offerto l’occasione di creare uno stretto legame con giovani di potenziali alte qualità , per i quali il volontariato è una scelta etica che trascende tutte le logiche utilitaristiche.

Un abbraccio lionistico.

Romano Ciampoletti

Città di Castello 27 /06 /2014